Homepage

L’esperienza individuale, d’un tratto, s’è sentita mancante di una dimensione condivisa. Qui nasce “ek-statica”: dalla necessità, che si fa volontà, di sconfinare nel sapere dell’altro.